La Provincia

Thu 22 Feb 2007

Krylov-Canino, entusiasmo alle stelle Serata di altissimo livello a Sondalo con il virtuoso del violino e il notissimo pianista

Un virtuoso mondiale del violino, Sergej Krilov, e un musicista dalla versatilità eccezionale, Bruno Canino, han reso omaggio a Sondalo alla figura di Teresina Tua Quadrio Per ravvivare la memoria di una grande virtuosa del violino scomparsa cinquant'anni fa, Teresina Tua Quadrio, niente di meglio che un virtuoso mondiale del violino di oggi, Sergej Krilov, e al posto dei grandi pianisti che suonarono con lei - Rachmaninov, Rosenthal - un musicista dalla versatilità eccezionale, notissimo ovunque da decenni, Bruno Canino.

Così agli "Amici della Musica" di Sondalo, nella loro 44a stagione, è nata una serata particolarmente adatta a quel ricordo, non solo per il livello altissimo ma per il carattere che, pur aggiornandolo, ripercorreva lo stile tipico del récital per violino e pianoforte tradizionale caro al pubblico delle società concertistiche di ogni Paese, quello stesso che portò la Tua alla fama e agli onori più alti....

...Tornando al récital Krylov-Canino, è difficile non definirlo travolgente e incandescente quanto il successo che lo ha accolto. Il programma era articolato in una prima parte russa come Krylov, tutto Prokofiev con le Cinque melodie op 35/b, nate per voce,e la celebre Sonata n°2, del 1943 nata per flauto e violinistizzata nientemeno che da David Oistrakh, con tutti gli umori ora cantanti e ora pungenti tipici di questo compositore, realizzati con il gusto dell'ammiccamento e del gioco dai due concertisti.

La seconda parte insisteva su due aspetti caratteristici del concertismo violinistico: le trascrizioni e le elaborazioni virtuosistiche, dove si scatenano tutti gli artifici di bravura inventati da Paganini, corde doppie, triple, quadruple, suoni armonici, pizzicati con entrambe le mani, posizioni spericolate con sonorità arcane arricchite dall' alternarsi sul ponticello della sordina, colpi d'arco acrobatici. In un funambolismo iperbolico, trascinante,nonché divertente: tutta Spagna, con Falla elaborato dal virtuoso Kochansky e dal non meno virtuoso e mitico Kreisler: la Suite popolare (dal canto) e la danza da La vida breve,dall'originale per orchestra, infine il superistrione Pablo Martìn Melitòn de Sarasate y Navàscuez, (istrionico e molto hidalgo l'ammasso di nomi e prenomi) un'aggressione di bravure, che ha rivelato un Krylov superlativo: dal violino fabbricato dal padre Alexander, famoso liutaio (lui lo preferisce allo Stradivari già di Auer, che possiede) sono uscite le più accattivanti avventure.

Naturalmente, è venuto giù il Palazzetto: Ancora Sarasate scatenato il primo bis, Introduzione e tarantella, e avvolgente di cavata morbida il secondo, Kreisler di Liebesleid.. Tra il pubblico, accanto al sindaco di Sondalo, il Prefetto della Provincia di Sondrio, signora Chiara Marolla.
re.spe