La Stampa

Thu 2 Jun 2005

nelle capricciose fantasie zingaresche di Beethoven cerca sempre e solo il canto e fa di tutto perché sia teso, vibrante, espressivo e possa così andare verso il pubblico stringendolo in un abbraccio di vera commozione
Paolo Gallarati