Daily Telegraph

Sat 24 Mar 2007

passione ed eleganza

Lucchesini mostra in questa esecuzione da antologia, che il virtuosismo è solo una parte di un affascinante ventaglio di timbro, stile e mordente armonico. Luciano Berio una volta ha dichiarato che voleva che la sua Sonata, completata nel 2001, fosse “un brano smisurato, quasi ineseguibile”.

In termini di virtuosismo, il suo desiderio si è avverato, ma, come Andrea Lucchesini mostra in questa esecuzione da antologia, il virtuosismo è solo una parte di un affascinante ventaglio di timbro, stile e mordente armonico.

Talvolta la musica nella sua traslucidità ricorda il lessico di altri compositori – Stravinsky forse, Prokofiev o Debussy. Ma questi riferimenti sono rifranti attraverso il prisma della straordinaria immaginazione di Berio.

La Sonata è un’opera che può essere facilmente “seguita” nella sua struttura, ma è anche piena di sorprese, contrasti e giustapposizioni di coloritura che Lucchesini articola con passione ed eleganza.

Questo disco offre un insieme di opere assai gratificanti di un compositore che, se non fosse stato infortunato, avrebbe potuto essere un pianista di altissimo livello ma che ha canalizzato la sua conoscenza dello strumento in una musica che ne esplora il potenziale con incredibile profondità, audacia e luminosità.
Geoffrey Norris