Rudolf Buchbinder


Rudolf Buchbinder è  oggi  unanimamente riconosciuto come uno dei grandi  interpreti del nostro tempo. Da più di 50 anni suona  in tutto il mondo con le più importanti orchestre e direttori.

Il suo 70° compleanno, nel dicembre 2016,   è stato  festeggiato  nelle più  prestigiose sale da concerto: dalla Carnegie Hall di New York, alla Suntory Hall di Tokyo, dal Musikverein di Vienna  e alla Philharmonie di Berlino.

I punti salienti della stagione dell’anniversario saranno le tournées con i Wiener Philharmoniker  con  Zubin Mehta e Franz Welser-Moest, i concerti con la Staatskapelle di Dresda e con i Berliner Philharmoniker con la direzione di Christian Thielemann. Su invito di Mariss Jansons è  artista in résidene  dell’Orchestra Sinfonica della Bayerischer Rundfunk. Il Musikverein di Vienna gli ha dedicato un ritratto e, nel dicembre 2016, i Wiener Philharmoniker lo hanno nominato Membro d’onore.

Il suo vastissimo repertorio si estende da Bach fino ai contemporanei, repertorio documentato da più di 100 registrazioni, molte delle quali  hanno ricevuto prestigiosi premi internazionali.  La sua interpretazione delle 32 Sonate di Beethoven è considerata oggi  uno dei caposaldi nella storia dell’interpretazione beethoveniana. Buchbinder ha   eseguito il ciclo delle 32 Sonate più di 50 volte, a Berlino, Buenos Aires, Dresda, Pechino, San Pietroburgo, Zurigo e Milano e ripetute volte a Vienna e Monaco. E’ stato il primo pianista ad eseguirle tutte al Festival di Salisburgo 2014, il ciclo è stato registrato in DVD.

Le ultime registrazioni discografiche sono dedicate ai Concerti di Mozart con la Staatskapelle di Dresda, incisioni in cui figura come direttore e solista.  Nell’autunno 2016 sono stati pubblicati, in CD e DVD,  i due Concerti di Brahms con i Wiener Philharmoniker e Zubin Mehta.

L’interpretazione di Buchbinder si basa su testi originali, E’ appassionato collezionista di partiture storiche e possiede ben 39 edizioni complete delle Sonate di Beehtoven. Ma la collezione comprende anche  partiture  di altri compositori e le copie autografe  delle parti e delle partiture dei Concerti di Brahms.

Dal 2007 Rudolf Buchbinder è direttore artistico del Festival di Grafenegg, che sotto la sua guida è diventato in breve tempo uno dei più importanti festival europei.  Ha scritto due libri, la sua biografia “Da Capo” e “Il mio Beethoven, vita con il Maestro”

2018/2019