Quartetto Diotima


Yun-Peng Zhao violino
Constance Ronzatti  violino
Franck Chevalier  viola
Pierre Morlet cello

Fondato nel 1966 da quattro allievi del Conservatoire Nation Supérieur de Musique di Parigi, il Quarttto Diotima è presto diventato uno dei complessi più richiesti, nel mondo intero. Il nome riflette la doppia identità del Quartetto: Diotima con riferimento al Romanticismo tedesco (Hoelderlin), Diotima con riferimento alla musica contemporanea (Nono Fragmente-Stille an Diotima).

Il Quartetto collabora intensamente con alcuni dei più importanti compositori di oggi: Helmut Lachenmann, Brian Ferneyhough, Toshio Hosokawa. Commissiona inoltre con regolarità nuovi brani a compositori di tutto il mondo: Tristan Murail, Alberto Posadas, Rebecca Saunders, Gérard Pesson, Pascal Dusapin. Non trascura tuttavia il repertorio classico e quello dei grandi compositori del secolo scorso: Bartok e Debussy e Ravel, gli ultimi Quartetti di Schubert e Beethoven, la Scuola di Vienna e Janacek...

Il Quartetto Diotima ha suonato in tutte le più importanti sale da concerto e festival europee, degli Stati Uniti, in Asia e in Sud America ed è il Quartetto in résidence al Théatre des Bouffes du Nord dal 2012. Le loro interpretazioni sono unanimamente acclamate dalla critica e la discografia ha ricevuto premi importanti: 5 Diapason d’or fra cui il Diapason d’or de l’année per il CD dedicato a Lachenmann e Nono (2004) e per un CD di compositori americani: Crumb, Reich e Barber (2011).

Uguale successo per l’album dedicato ai Quartetti di Onslow, pubblicato dalla Naive nel 2009 (Diapason d’or e "Evento del Mese" per Diapason, "Exceptional" per il magazine spagnolo Scherzo) album che ha cementato la lunga collaborazione con la casa discografica. Per la MEGADISC il Quartetto Diotima ha inciso il LIVRE POUR QUATUOR di Pierre Boulez, nella revisione del 2015 di Boulez stesso (ffff per Telerama, Choc de l’année di Classica).

Nel 2016, per celebrare il 20° anniversario della fondazione,  verranno pubblicati dei CD molto importanti: un set dedicato alla Scuola di Vienna e una nuova serie dedicata a ritratti di compositori contemporanei, in collaborazione con l’Orchestra della WDR di Colonia. Il primo CD è dedicato a Miroslav Srnka, il secondo a Gérard Pesson.

Le prossime stagioni sono dense di impegni: il ciclo Beethoven, Schoenberg, Boulez per Wien Modern, i concerti in varie città europee con la prima del Quartetto di Enno Poppe, l’integrale dei Quartetti di Bartok al Théatre des Bouffes du Nord, e tournées in Sud America, Giappone, Stati Uniti e Russia.

Il Quartetto Diotima è sostenuto dal Ministero della Cultura e Comunicazione/ Direzione Regionale degli Affari Culturali Centre-Val de Loire e riceve regolarmente il supporto dell’Istituto Francese, di Spedidam, Musique Nouvelle en Liberté, Fonds pour la Création Musicale, Adami e di sponsor privati.

Gennaio 2016